Spazio Materiæ presenta KWM1924

Spazio Materiae ti invita ad intraprendere un viaggio attraverso le forme essenziali delle ceramiche KWM1924 in abbinamento una delicata degustazione di tè e dolci delizie di Francesca Sessa per Piccerelle. 

spaziomateriae_kwm1924_napoli_ceramiche.jpg

La ceramista giapponese Shoko Ishioka ci guiderà alla scoperta della storia e dell'estetica KWM1924, laboratorio di ceramica tedesco che coniuga la tradizione Bauhaus con quella coreana. 
Alla presentazione seguirà una degustazione di tè Tealicious in abbinamento a torte e piccola pasticceria Piccerelle. 

In dettaglio _
Giovedì 26 ottobre dalle ore 18:00
Presentazione delle ceramiche artigianali KWM1924 e degustazione di tè e pasticcini Piccerelle. 

Evento gratuito, prenotazione obbligatoria.
Per prenotarsi: 08118946367 _ info@spaziomateriae.com 
 

About:
Spazio Materiæ è uno show-room esperienziale, uno spazio vivo e dinamico che presenta in esclusiva le ultime novità nelle cucine d'alta gamma, i complementi d’arredo di aziende storiche e le collezioni di designer indipendenti provenienti da tutto il mondo e dove, periodicamente, si organizzano momenti di incontro tra food e design.
Il progetto nasce dalla passione di due giovani architetti napoletani, Stefano Santoro e Teresa Carnuccio, uniti dal pallino per l’artigianalità ed il design di ricerca.

Keramische Werkstatt Margaretenhöhe 1924 è un laboratorio di ceramica di base ad Essen (Germania), in cui il motto Bauhaus "la forma segue la funzione" incontra l'estetica coreana.  
La fondatrice Young-Jae-Lee (nata a Seoul e formatasi sia in Corea che in Germania), ha sviluppato il caratteristico linguaggio KWM1924 più di vent'anni fa, che è rimasto inalterato ancora oggi, non essendo soggetto a cambi di moda o zeitgeist. Ognuno dei pezzi del set da tavola è abbinabile con tutti gli altri in combinazioni sempre differenti, all'interno di una delicata ma decisa palette colori. Tutti i materiali e i processi di produzione sono eco-compatibili.

Piccerelle è una vineria con piccola cucina al Vomero, Napoli. 
Un'attenzione particolare è stata data alla scelta dei fornitori: persone che lavorano nel rispetto dell'ambiente, degli animali, dei consumatori e soprattutto con la passione per il proprio lavoro. Sono piccole aziende campane e del Sud Italia. Alcune hanno prodotti biologici certificati e altre applicano il biologico da prima che esistesse il marchio.
I ragazzi di Piccerelle li hanno conosciuti di persona, visto i loro animali, i luoghi e i locali di lavoro.Li hanno visti creare, con sapienza e rispetto per le materie prime, i prodotti che troverete nel menù. Un menù che cambia in base alla disponibilità degli ingredienti, freschi e sempre di stagione.
Francesca Sessa, attualmente responsabile della cucina di Piccerelle, a Napoli ha collaborato con Fud - Made in Cloister per la ricerca dei fornitori e la realizzazione di un menù legato al territorio e collabora con Aperitivo per la realizzazione di dolci e torte nuziali.
Il suo concetto di cucina è molto semplice: un pasto, dolce o salato, deve farti sentire coccolato. Senza fuochi d'artificio ma che grazie alla freschezza degli ingredienti e alla genuinità delle ricette, ti riporti indietro con la memoria. "A mia nonna, per esempio, e alla sua passione per la cucina: quando il pezzo di torta era un premio ed era sempre buono".
Con questa visione nella testa si è avvicinata al mondo della pasticceria e, dopo una prima esperienza imprenditoriale di 3 anni a Firenze, ha girato tra Londra, Bergamo e la Campania, accrescendo le sue conoscenze e avvicinandosi sempre più all'idea di un dolce legato al nostro territorio e che possa seguire il ritmo naturale delle stagioni.

Tealicious è una piccola bottega artigiana e negozio nel cuore di Firenze. Marcela, la proprietaria, è una ricercatrice e sommelier di Tè argentina. Nella creazione delle sue miscele uniche, Marcela applica sia tecniche della cucina tradizionale che un artigianalità innovativa.
L'intero processo di produzione è accuratamente realizzato a mano: dalla macinazione delle fave di cacao nel mortaio, al taglio delle foglie di eucalipto, dalla separazione dei petali delle corolle dei fiori, alla lavorazione delle spezie con il pestello. Questa è la via che ha scelto per massimizzare la qualità e la freschezza di ogni ingrediente ed offrire così, un gusto unico.